LA NOSTRA PASSIONE PER LE TORTE

Le feste di compleanno sono sempre divertenti.

Ogni anno facciamo del nostro meglio per far felice chi amiamo e farli sentire speciali anche attraverso la torta di compleanno. Diventa un successo quando la torta è personalizzata o è rappresentativa di un desiderio o di una passione. In queste torte c’è tanta passione anche nel realizzarle, vediamone alcuni esempi e se volete, proviamo a farle insieme, vi aiuterò con ricette e condivisione di esperienze e suggerimenti.

Buonissimo divertimento!

Gonnosfanadiga 20 06 2010


Mariana dice: The cake is just a small detail but it makes a big difference La torta è solo un piccolo dettaglio, ma fa una grande differenza!


15 luglio 2010

CAROSELLO DI TORTE DECORATE

Vi presenterò un carosello di alcune torte che ho realizzato in questi mesi,  molte di voi le conoscono già perché le ho mostrate in Cookaround, ma ho piacere di illustrarle anche in questo blog che sento molto più mio. 
Iniziamo la rassegna con la primissima torta che ho fatto nel gennaio del 2009.
ROSE GIALLE 

Ero a caccia di una torta speciale per il 50° compleanno di mio marito e decisi di vedere in internet, - lì dentro si  trova tutto!-  E così ho iniziato a navigare e mi sono imbattuta nelle torte americane decorate in modo tutto “strano” da non sembrare più torte ma oggetti . Inizialmente sono rimasta strabiliata, ero incredula che si potesse costruire una torta da mangiare in un modo che sembrasse una statua o un soprammobile. Boh!  Assurdo!  E pensavo che gli americani fossero pazzi!
Sono poi capitata in un sito italiano, Cookaround appunto, Beh! E non c’erano anche lì le italiane pazze!  Tante bellissime torte con personaggi, con animaletti e fiori tutte fatte a mano da ragazze italiane.  E c’erano pure tutte le ricette e le descrizioni passo passo. Un miracolo!
Insomma ho visto tante di quelle torte , credetemi, che ne ho fatto indigestione.  Sono arrivata, quindi alla conclusione che, sebbene sembri un po’ pazzesco, un po’ difficile, un po’ naif, se tante ragazze, in tutto il mondo riescono a farle, perché non dovrei riuscirci io?
Mi sono armata di coraggio, mi sono armata del necessario per gli ingredienti , mi sono armata di follia e voilà! ho realizzato la mia prima torta decorata con gli unici due colori che in quel momento offriva  il mercato. 


Fare le rose non è stato un problema: Sandry tempo fa, aveva lavorato la pasta di sale e qualche base l’aveva.  Tutto il resto ovviamente  ci era ancora sconosciuto, ma come inizio non era male, potevo ritenermi soddisfatta e incoraggiata dal risultato ottenuto per proseguire nell’avventura.
La torta era anche buona,  ho usato in quell’occasione una torta al cioccolato simile alla saker (la ricetta la  pubblicherò in seguito) e questo era un altro punto a mio vantaggio.
Faccio torte “normali” da quando ero ragazzina, le abbiamo sempre fatte con mia mamma che era anche un’ottima pasticcera e cuoca oltre a tante altre cose che sapeva fare benissimo, principalmente lei era un’eccezionale  sarta modellista. 

PAPERINA "FRU FRU"

Sono una persona molto curiosa e questo a volte si traduce in difetto, più che in pregio. Avevo assaporato il gusto di fare decorazioni ma era solo l’inizio. Continuavo a navigare in internet e ogni giorno scoprivo nuovi consigli di come lavorare la pasta di zucchero, nuovi insegnamenti  per realizzare soggetti e nuove torte sempre più belle.  In cookaround vidi una torta che in quel momento mi sembrava l’ideale per l’11° compleanno di mia nipotina.  Non ho resistito e ne ho parlato con Sandry, per lei era possibile realizzare la Paperina e quindi abbiamo tentato. Il risultato è stato questo e vi racconto anche la favoletta di cook:  
C’era una volta una dolce (esagerata!) fanciulla di nome Angiolina che passeggiava nel web. Ad un certo punto si ritrovò nel bosco incantato di Cook dove si imbattè in  prezioso gioiello di torta.  Ne rimase affascinata e fu amore a prima vista.  Pensò :  ”la voglio” , “deve essere mia”; ma come fare?... rubarla? Non si poteva! – comprarla? Era troppo lontana. Non rimaneva che crearla. Convocò sua sorella Mani di Fata e le chiese aiuto. Ella acconsentì perché vide il passo passo di Paperina  che era perfettamente utile al loro intento. Iniziarono l’opera, Mani di Fata lavorò con sagace maestria e nacque la Paperina fru fru. Angiolina preparò la torta, pensò al colore per ricoprirla e per una Paperina così non poteva che essere rosa, appunto: rosa fru fru. Alla fine venne fuori una torta come quel gioiello e   Angiolina fu veramente al settimo cielo.
“Sicchè” vissero tutti felici e contenti
.


Recentemente ho trovato la torta con Paperina in una rivista Spagnola. In America, nei paesi dell’America latina e in Spagna, oltre che in Inghilterra, hanno tanti libri che insegnano la decorazione in pasta di zucchero, fondant e gum paste. Hanno anche tante bellissime riviste periodiche dove le “professore”, come le chiamano loro,  illustrano passo passo la realizzazione delle torte più impensabili.  

4 commenti:

  1. Bello il tuo carosello di torte...io che su cookaround sono iscritta dal 2008 non le avevo mai viste (ma io con i forum non riesco a prendere confidenza)
    complimenti

    RispondiElimina
  2. Ciao...complimenti per queste magnifiche torte...
    sai ho cercato di farla anche io questa di
    paperina....(la tua è bellissima)........
    se vuoi passare a vederla..
    Enza

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia le tue torte...! Grazie per aver aggiunto il mio blog tra quelli che ritieni interessanti. Ricambio con piacere aggiungendoti tra i blog amici.
    Verrò a trovarti spesso... per farmi gli occhi, perché io ci metterei una settimana a fare una torta del genere!
    Ancora complimenti e a presto!
    Rosemary

    RispondiElimina
  4. Una più bella dell'altra,paperina poi è una chicca!! Complimenti davvero bravissima!!
    Francesca

    RispondiElimina